Articoli

manifesto carnevale2016 cittadellapieve

Carnevale 2016 a Città della Pieve

Esposizione costumi in stile veneziano e Festa in maschera per il Carnevale 2016

Anche quest’anno Città della Pieve si veste in maschera per le strade del suo centro storico. In particolare questo Carnevale 2016 vedrà un’anticipazione della festa di domenica pomeriggio con l’allestimento a Palazzo della Corgna di “Costumi del carnevale veneziano” provenienti dalla Sartoria “Catia Mancini- Costumi per lo spettacolo”. (sito della sartoria)

I costumi saranno accompagnati anche dalle tipiche maschere veneziane, rendendo nell’insieme l’atmosfera magica, amplificata dalla scenografia delle sale affrescate del piano nobile di Palazzo della Corgna.

L’apertura di questa esposizione temporanea, promossa dal Terziere Castello all’interno del suo Centro Espositivo, è prevista per il prossimo martedì 2 febbraio sino al 7 febbraio.

Domenica 7 febbraio sarà anche la giornata della festa mascherata per le vie del paese, con partenza del corteo carnevalesco prevista da piazza Unità d’Italia (davanti al liceo), passando per via Vannucci (Casalino), piazza del Plebiscito per poi raggiungere la Rocca, il tutto accompagnato dalla Banda Musicale P. Vannucci e dalla Compagnia Sbandieratori e Musici di Città della Pieve.

Alla Rocca sarà prevista un’accoglienza speciale, tra musica, spettacoli, dolci di carnevale e la premiazione per la maschera più caratteristica.

 

carnevale 2016

 

Ingresso Centro Espositivo Castello

Palazzo della Corgna visto dal Centro Espositivo del Terziere Castello

BREVE EXCURSUS PER CHI VOLESSE CONOSCERE DI PIÙ DEL PALAZZO CHE OSPITA IL CENTRO.

Dopo quasi un anno di permanenza, questo articolo sarà dedicato proprio al luogo che ci ha ospitato, Palazzo della Corgna, visto e vissuto dal Terziere. Infatti passando al Centro Espositivo potrete scoprire passo passo come il Palazzo, un tempo privato, abbia acquisito col tempo un forte legame con il Terziere Castello.

Di seguito alcuni scatti rubati negli ultimi tempi e che offrono degli scorci davvero imperdibili dei diversi ambienti che ospitano manifestazioni artistico – culturali fra le più varie.

Partendo dal cuore del paese, il profilo del palazzo fa da angolo alla piazza principale, del Plebiscito, affacciandosi verso la cattedrale dedicata ai Santi Gervasio e Protasio, in un dialogo molto stretto tra le sue aperture e il loggiato ad angolo. Avanti al palazzo si aprono due vie: una piccola piazza, chiamata Gramsci, un tempo più ampia; l’altra strada, via Garibaldi, costituisce l’arteria principale del Terziere Castello.

Su un fianco destro del Palazzo, opposta a via Garibaldi, scende la strada che porta il nome del pittore per eccellenza della Pieve, Pietro Vannucci. La via coincide con la strada principale di un altro terziere, il Casalino, e sempre al suo inizio si trova il passaggio che conduce alla Taverna del Terziere Castello.
Tale taverna é anche la parte sotterranea di Palazzo della Corgna. L’interno è caratterizzato da volte a botte in mattoni, in una successione di ambienti uno incatenato all’altro. Questi stessi sotterranei sono taverna d’estate durante il Palio e spazio per il Presepe Monumentale a Natale. All’esterno un giardino quadrangolare si affaccia con la sua terrazza verso il vicolo più nominato del Terziere, via Melosio detto vicolo delle Pupe.

Il Palazzo internamente offre al piano terra lo spazio pubblico della biblioteca comunale e una prima sala affrescata, la Sala del Governatore, detta “del Concerto”.
Entrambi gli spazi si affacciano su un chiostro con al centro un pozzo, la cui presenza testimonia l’esistenza di una cisterna sottostante.
Ritmata da nicchie di forme varie, una monumentale scalinata conduce il visitatore ai piani nobili del palazzo. Nella salita un primo pianerottolo testimonia con la sua stele il legame che Città della Pieve ha con la storia etrusca. Un secondo pianerottolo, dove si trova anche la sede della Libera Università, conduce ad una terrazza che si apre sul panorama che da Cetona si allunga fino ad oltre il territorio chiusino mantenendo in primo piano la bellezza del profilo pievese lungo le mura.

Il primo piano del palazzo è dedicato alle esposizioni temporanee e permanenti. L’ampio e affrescato loggiato cattura la luce da tre grandi aperture che guardano dall’alto il chiostro. Da qui si trovano tre ingressi diversi. Uno conduce al museo di scienze naturali (che ospita anche il lavoro svolto sulla fornace di Ponticelli dal laboratorio “La Fornace della Memoria”). Poco più avanti si trova la sala più rappresentativa di Palazzo della Corgna, la Sala Grande, a cui si ricollegano altre sale più piccole ma non meno importanti. Sotto gli affreschi de “Il Convito degli Dei” e gli “Amori degli Dei” si tengono durante l’anno i principali eventi e manifestazioni pievesi, come ad esempio lo scorso 13 dicembre, con “Epoche in passerella” promosso e organizzato dal Terziere.
Infine si trova lo spazio del Terziere Castello, il Centro Espositivo “Don Oscar Carbonari”, in cui allestimento e accoglienza hanno cercato in tutti questi mesi di risaltare la bellezza dei locali.

Da non dimenticare la presenza di un ultimo piano dedicato ad uffici. Ma soprattutto l’esistenza di una monumentale scalinata in legno le cui visite sono concentrate in pochissime giornate all’anno. (In particolare legate agli eventi del FAI).

L’invito a visitare il Centro Espositivo si estende così nella visita dell’intero complesso di Palazzo della Corgna per ammirare tutte le sue bellezze.

depliant EPOCHE IN PASSERELLA

1° evento promosso dal Centro Espositivo del Terziere Castello

“EPOCHE IN PASSERELLA”: IL COSTUME FEMMINILE NELLE RIEVOCAZIONI STORICHE DELL’UMBRIA

L’ evento, promosso dal Terziere Castello, si svolgerà nel corso di un unico pomeriggio, sabato 13 dicembre a Città della Pieve, e avrà come oggetto il costume storico femminile. La giornata avrà due momenti fondamentali, entrambi arricchiti dalla partecipazione di diverse manifestazione umbre legate a questo tipo di rievocazioni. Gli ospiti presenti saranno: “Calendimaggio” di Assisi; “Corsa all’Anello” di Narni; “Donazione della Sacra Spina” di Montone; “Festa del Rinascimento” di Acquasparta; “Giochi de le Porte” di Gualdo Tadino; “Giostra della Quintana” di Foligno; “Mercato delle Gaite” di Bevagna; “Palio dei Terzieri” di Città della Pieve.

La prima parte dell’evento, ore 16.00 presso Palazzo della Corgna, vedrà l’esposizione dei temi legati al costume storico femminile e al mondo sartoriale. La conferenza vedrà la partecipazione dell’esperta di storia del costume Sara Piccolo Paci (docente di Storia del costume e della moda per il Polimoda di Firenze e per il Fashion Institute of Technology di New York) e la presenza di alcuni esponenti delle sartorie più quotate tra Umbria e Toscana. Al termine dell’intervento presso la Sala Grande al Piano Nobile si potrà visitare anche il Centro Espositivo del Terziere Castello.

La seconda parte avrà luogo al Teatro Comunale “Accademia degli Avvaloranti”, alle ore 18.00, con lo svolgimento della sfilata dei costumi storici femminili delle manifestazioni invitate. A fare da sfondo ci sarà l’intrattenimento musicale a cura di Ensemble Compendium Musicum.

L’evento, patrocinato dall’Amministrazione Comunale, conferma il ruolo di Città della Pieve come promotrice di iniziative importanti e di qualità nel panorama delle rievocazioni storiche in Umbria.

 

A seguire la locandina dell’evento

poster EPOCHE IN PASSERELLA

Programma Palio 2014

Dal 12 al 24 Agosto Città della Pieve si veste a festa.

Il vino della Taverna del Castello

Eccezionalamente il Centro Espositivo del Terziere Castello a Palazzo della Corgna sarà aperto tutti i giorni durante il Palio nel mese di agosto (a luglio solo nei fine settimana). Per l’occasione l’esposizione dei costumi storici nella Sala Glicine varierà con un nuovo allestimento!!

Inoltre con l’inizio dei festeggiamenti del Palio sarà in funzione la Taverna del Castello, presente nello stesso Palazzo del Museo. Nel bel cortile e nei sotterranei della Taverna il Terziere vi delizierà con specialità della tradizione umbro- toscana.

A seguire il programma generale del Palio 2014 e quello dei festeggiamenti del Terziere Castello.

 

mercoledì 13, giovedì 14 Agosto

Terziere Castello. Festeggiamenti in onore del Patrono San Rocco

FIERA DI SAN ROCCO. Botteghe, mercati d’epoca e spettacoli di strada.

h 21.00 – Vie del Terziere Castello

 

venerdì 15 Agosto

Ente Palio dei Terziere

LANCIO DELLA SFIDA TRA TERZIERI

ore 17.30 – Piazza Plebiscito

 

sabato 16 Agosto

Terziere Castello. Festeggiamenti in onore del Patrono San Rocco

DA UNA SCINTILLA NACQUE UN GRANDE FUOCO

h 22.00 – Piazza Plebiscito

 

Domenica 24 Agosto

Ente Palio dei Terzieri

CORTEO STORICO E CACCIA DEL TORO

ore 17.00 – Piazza Plebiscito (prosecuzione al Campo di Santa Lucia)  

 

FOTO INAGURAZIONE (E non eravamo pochi!)

“Noi ci credevamo sin dall’inizio!”. Questo è quello che è emerso dagli interventi che hanno preceduto l’inaugurazione del Centro Espositivo del Terziere Castello – Museo Don Oscar Carbonari.

A partire da Giovanni Fanfano, Provveditore del Museo, che più di un anno fa espose il suo piano per un centro espositivo, mettendo in moto un gruppo di forze castellane fiduciose nel portare a termine l’impresa. Impresa che, a dire di Fanfano, proietta il Terziere Castello in una fase nuova, quella moderna, rivolgendo l’invito a questa crescita anche agli altri terzieri di Città della Pieve.

Gli succede Michele Gorello, il Presidente del Castello, che ha messo in luce la ricchezza dell’iniziativa, grazie all’unione, umile, ma comunque volenterosa, delle forze e delle capacità castellane, risorsa sociale inestimabile.

A seguire Carlo Pedini, noto compositore e scrittore, il quale ha ripescato dal passato alcuni episodi e memorie del “dinamico” Don Oscar Carbonari. Sostiene Pedini che la dedica rivolta al parroco, scomparso dal 2001, sia la più azzeccata, essendo stato negli anni ’60 tra i promotori della rinascita del Terziere.

Infine prende parola il nuovo Sindaco, Fausto Scricciolo. Forse dei quattro presenti, l’unico ad aver espresso qualche dubbio agli albori del progetto sul centro espositivo, espostogli mentre avvitava delle tavole per l’ultimo Presepe in taverna. Ora, invece, si mostra riconoscente e al contempo orgoglioso di poter dare una sforbiciata al nastro che apre le porte a questa nuova esperienza per il Terziere Castello.

A questo punto si entra. Tanta la gente che attende fuori il proprio turno.

All’ingresso qualche attento visitatore legge già le prime righe introduttive al percorso espositivo, qualcun’altro invece non resiste e si fionda per osservare i primi pannelli fotografici. Qui, infatti, troviamo gli scatti di coloro che negli anni ’60 hanno fatto la storia dei Sanpietrini. C’è qualcuno emozionato che si riconosce, chi fa l’elenco dei nomi perchè li vedeva sfilare quando era ragazzino. Tanti altri li ammirano per la prima volta, proprio perchè fino a quel momento erano rimasti solo ricordi riposti in un cassetto.

Il percorso continua e si dislunga fino alla sala dei costumi. Molti riconoscono i personaggi che rappresentano durante il corteo del Palio, molti altri restano affascinati dalla bellezza del singolo pezzo e per la fattura con cui è realizzato. Sul fondo della sala, lucide e scintillanti, tre chiarine dei primi musici richiamano l’attenzione sui tavoli e sulle teche sottostanti, ricche di documenti e foto prestate da alcuni Castellani al centro espositivo.

Infine una musica dalle note rinascimentali introduce l’ultima sala: Radio Castello. Tante le storie narrate attraverso le immagini e i video estrapolati dall’archivio, costruito dai volontari, rimettendo in ordine i momenti principali che hanno fatto la storia del Castello. A gruppi di amici e famiglie, la Radio lascia impresso nella mente dei visitatori un pezzo di un’epoca passata e la voglia di innescare nei Castellani di oggi un rinnovato senso di appartenenza al primo Terziere di Città della Pieve rinato in epoca moderna. Buon Compleanno!