Articoli

Che cos’è per il Terziere Castello Epoche in Passerella 2° edizione

TUTTO QUELLO CHE ABBIAMO CERCATO DI COMUNICARVI  IN QUESTA 2° EDIZIONE.

Si è appena conclusa l’edizione 2015 di Epoche in Passerella che ha visto la partecipazione delle maggiori manifestazioni umbre riguardo le rievocazioni storiche.

Il Terziere Castello, ideatore e organizzatore dell’evento, con questa manifestazione ha dato visibilità a Città della Pieve che, in questa giornata, è stata il legame per tutte le manifestazioni storiche ospiti, ritrovate a sfilare al Teatro degli Avvaloranti.

Inoltre questo evento ha dato modo di mettere in luce la presenza dei sarti umbri, toscani e marchigiani gravitanti intorno alle rievocazioni storiche, i quali hanno esposto le loro creazioni nelle belle sale allestite per l’occasione a Palazzo della Corgna. In parallelo e per il secondo anno consecutivo si è svolta una lezione ad hoc sui temi relativi al costume storico, creando uno spazio di confronto e approfondimento rispetto questa realtà così complessa. Questo ci induce a riflettere circa la possibilità per lo sviluppo nel nostro paese di sartorie che vadano a creare quei vestiti che sono parte integrante delle manifestazioni.

Le città e le sartorie ospiti hanno condiviso questa nostra iniziativa con la loro partecipazione e manifestato il loro entusiasmo con mille ringraziamenti, sia istituzionali che personali. Questo riconoscimento ci ha fatto molto piacere anche perché, in buona parte, sono volontari come noi, ossia persone che mettono a disposizione tempo e capacità per la buona riuscita degli eventi, consapevoli del tipo di sforzo che c’è dietro una manifestazione del genere.

Sottolineiamo la grande partecipazione del popolo castellano che per l’occasione si è trasformato in un’abile squadra di chef, camerieri, allestitori, supervisionatori, modelli, registi, elettricisti, tecnici delle luci, fotografi, padroni di casa, insomma abili menti e abili mani.
Il nostro terziere si compone anche di tutta una serie di persone che gravitano intorno, veri e propri sostenitori che ci hanno permesso di realizzare il tutto senza pesare in maniera eccessiva sulle casse dell’associazione. Inoltre è stato essenziale l’aiuto di alcuni sponsor che hanno contribuito in maniera diretta alla realizzazione e all’organizzazione dell’evento. 

Il Centro Espositivo del Terziere Castello per l’occasione ha anche ospitato una mostra tessile di Arnaldo Caprai (qui il sito del museo virtuale) molto apprezzata dai partecipanti per la ricercatezza e la cura dei particolari e l’importanza storica e il valore collezionistico dei reperti storici esposti.

Questa è la strada giusta. Il nostro spazio espositivo vuole offrirsi come luogo per ospitare tante altre iniziative che favoriscano nuove conoscenze e scambi interculturali. Quindi insieme, popolo castellano, diamoci da fare con tutti gli strumenti a disposizione per regalarci e regalare altri momenti di forte emozione.

Ancora una volta ringraziamo

Le città ospiti:

Acquasparta, Assisi, Bevagna, Foligno, Gualdo Tadino, Montefalco, Montone, Narni, Orvieto. I Terzieri Borgo Dentro e Casalino di Città della Pieve.

Le sartorie:

Gelsi Costumi d’Arte, Gualdo Tadino. Catia Mancini, Ascoli Piceno. Stefania Menghini, Foligno. Parigi, San Sepolcro.

La dottoressa Maria Giuseppina Muzzarelli, storica del costume.

L’architetto Walter Capezzali della collezione Arnaldo Caprai.

La dottoressa Daniela Barzanti con “Nozze in Italia” per l’organizzazione e la cura delle decorazioni.

Tutti i collaboratori che hanno offerto le loro maestranze: Patrizia Mari, Alessandro  Possieri, Marco Possieri. Ornella Tiberi e Francesca Tiriboco

Gli sponsor: CrediUmbria, , Dandy’s, ErreDue SRL, Trattoria Bruno Coppetta, Edil Costruzioni, Caffè degli Artisti, Decorazione edile G. Castelli, Bar Sole Luna, Ferramenta Tecnoservice, Macelleria Rosi Mario, Della Lena Auto.
I partner della manifestazione
Pan Arredi, Promo video, Quattro Emme.

Grazie ancora a tutti gli aiutanti del Terziere: Rosaria, Simona, Stefania, Valentina, Bruna, Claudia, Francesca, Francesca, Filide, Federica, Flaminia, Elia, Donata, Chiara, Monica, Raffaela, Carlotta, Serena, Giorgia, Paola, Roberta, Linda, Giada, Francesca, Laura, Diana, Luisa, Bianca, Elena, Antonio, Fabio, Enrico, Mami, Martina, Rocco, Junior, Nicola, Mattia, Marco, Fausto, Corrado, Flavio, Marco, Marisa, Luca, Mario Selva, Gualtiero Fallarini, Silvia,Giammarco, David, Valter, Fiammett, Gianni, Mario, Gabriele, Carla, Andrea, Samuele, Fabio, Andrea, AnnaLucia, Paola, Simone, Benedetta, Mario, Michele, Carlo e tutto il Consiglio del Terziere Castello.

Nadia Manganello e Alessandra Fadda

A seguire tutto quello che vi siete persi su #‎epocheinpasserella2015‬ e alcune foto che ci hanno emozionato di più.

EPOCHE IN PASSERELLA edizione 2015

EPOCHE IN PASSERELLA. Copricapi e accessori femminili fra Medioevo ed Età Moderna.

Il 4 ottobre si svolgerà a Città della Pieve il secondo appuntamento tipicamente umbro sulle rievocazioni storiche: “Epoche in Passerella”. La prima manifestazione regionale che le prende tutte in rassegna. Conferenze, esposizioni sartoriali e spettacoli teatrali che approfondiscono le figure e i costumi dei cortei storici, per contribuire a fare cultura intorno al folklore regionale e a migliorare la qualità delle rievocazioni stesse.

 

UN EVENTO ANNUALE SOSPESO TRA QUALITÀ E BELLEZZA. Proponendo una riflessione sul significato della rievocazione storica oggi e poi approfondimenti su figure e costumi dei cortei storici, esposti dalle sartorie e indossati in sfilata per un colpo d’occhio unico, essendo invitate insieme diverse manifestazioni storiche che raccolgono epoche diverse, dal Medioevo al Rinascimento, fino al Barocco.

L’edizione 2015 vedrà impegnata la giornata di domenica 4 ottobre in questo modo:

  • ore 16.00. Presentazione dell’evento e conferenza sul tema dei copricapi e accessori tenuta dalla professoressa Maria Giuseppina Muzzarelli, la quale insegna nella sede di Bologna “Storia medievale” (Dams) e nella sede di Rimini “Storia del costume e della moda”.
  • a seguire nelle sale di Palazzo della Corgna. Esposizione sartoriale di costumi e accessori d’epoca.
  • ore 18.00. Sfilata di costumi storici provenienti dalle più importanti rievocazioni storiche dell’Umbria presso il Teatro comunale degli Avvaloranti. Intrattenimento musicale con “Ensamble Compendium Musicum” e i loro strumenti d’epoca.

 

Con il Patrocinio della Regione Umbria, del Comune di Città della Pieve, promosso dal Terziere Castello e organizzato da Nozze in Italia e Terziere Castello.

Volantino con programma:

epoche in passerella2015- locandina verticale

La rievocazione storica umbra fa un nuovo passo avanti a Città della Pieve

Sabato pomeriggio l’evento “Epoche in passerella”: ospiti alcune delle principali manifestazioni umbre di rievocazione storica e sartorie.

Partendo dalla conferenza a Palazzo tenuta dalla dott.ssa Sara Piccolo Paci, ci si è soffermati sull‘importanza della ricostruzione storica del costume come mezzo per conoscere e comprendere meglio la storia del nostro passato. Si scopre, come espone la dott.ssa Paci, che “seguendo le indicazioni della storia e dell’archeologia è possibile risalire alla forma ed al significato delle vesti del passato e di società diverse; inoltre si può giungere a comprendere le valenze funzionali, estetiche, economiche, sociali e personali.”

momenti della conferenza

Perciò l’apporto didattico e la ricerca qualitativa in tali manifestazioni è un aspetto fondamentale da ricollegare a quello altrettanto importante di festa e socializzazione in cui la comunità locale crede fortemente. Come espone il Presidente del Terziere Castello Michele Gorello, in un panorama vastissimo di eventi legati alla rievocazione storica è la maggior qualità nella ricerca, quindi, che può rafforzare e far emergere quelle manifestazioni più attente e rigorose.

Dopo la conferenza gli ospiti hanno potuto toccare con mano le maggiori produzioni sartoriali umbre e toscane legate alla ricerca storica (sartoria Menghini, sartoria “Dame Cavalieri”, sartoria “Arte del Costume”, sartoria Antonietta, sartoria “Costumi d’arte”). Da Firenze, ad Arezzo, passando per Deruta, Gualdo Tadino e Foligno, ciascuna sartoria ha messo in mostra alcuni abiti da loro confezionati relativi ad epoche e tecniche fra le più diverse. Seguiva all’ esposizione delle sartorie la visita al Centro Espositivo del Terziere Castello.

angolo sartorie

La serata è proseguita al Teatro Comunale con la sfilata dei figuranti provenienti dalle seguenti manifestazioni umbre:

“Corsa all’Anello” – NARNI
“Mercato delle Gaite” – BEVAGNA
“Calendimaggio” – ASSISI
“Donazione della Sacra Spina”- MONTONE
“Giochi delle Porte” – GUALDO TADINO
“Giostra della Quintana” – FOLIGNO
“Festa del Rinascimento” – ACQUASPARTA
“Palio dei Terzieri” – CITTÀ della PIEVE.

Epoche in passerella a Teatro

Epoche in passerella a Teatro

 

Sul palco lo spettacolo della sfilata dei costumi storici femminili ci ha emozionato per la sua ricchezza e varietà di forme, colori e tessuti. Qui dei bellissimi scatti dell’evento

Le manifestazioni umbre hanno eccezionalmente unito le forze oltre i campanilismi e messo da parte le rivalità tra contrade e terzieri (pensiamo ad Assisi di Sopra e di Sotto, agli stessi terzieri di Città della Pieve). La sfilata ha dato modo di far conoscere le altre manifestazioni storiche umbre, ciascuna con le sue origini e periodo storico di riferimento, e la cui diversità è fonte di ricchezza e bellezza della regione Umbria.

In conclusione, dall’evento possiamo trarre numerosi spunti e riflessioni rivolti a migliorare ancora la manifestazione del Palio dei Terzieri.

L’evento è stata un’esperienza condivisa da ripetere, a nostro avviso, negli anni. Per la partecipazione si ringraziano profondamente tutti gli ospiti (dalle sartorie alle manifestazioni) e tutti coloro che hanno collaborato all’organizzazione assieme al Terziere Castello.

palchetti